Categorie
Salute e benessere

COVID-19: i medici cubani sono pronti ad aiutare

( Filippo Polito )  Prima era l’Ebola, ora il coronavirus. I medici cubani non solo danno prestigio internazionale all’Avana, ma generano anche maggiori entrate per loro. Combatteranno anche questa epidemia?   Anche la medicina cubana “Interferone alfa-2b” svolge un ruolo importante nella crisi mondiale del coronavirus. Secondo il quotidiano del governo cubano Granma , l’antivirale è uno dei 30 farmaci usati a Pechino per curare i pazienti con coronavirus.

Tuttavia, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è stata riluttante a prendere una posizione riguardo al suo uso globale: “È impossibile commentare le possibilità di trattamento con interferone senza studi clinici”, ha spiegato Dina Pfeifer, dall’organismo CHI medico.

Tuttavia, la cooperazione medica tra Cuba e Cina potrebbe diventare un simbolo del contributo socialista dell’isola, nella lotta contro l’epidemia di COVID-19. Sebbene i medicinali e i vaccini cubani non siano riconosciuti per il loro uso nelle aree di crisi, i medici cubani lo sono: nel 2014, durante l’epidemia di Ebola nell’Africa occidentale, Cuba ha inviato oltre 460 medici e infermieri in Sierra Leone, Liberia e Guinea, 165 dei quali hanno lavorato direttamente per conto dell’Organizzazione mondiale della sanità. Le brigate cubane si sono mobilitate rapidamente ed erano efficienti”, ha detto Bert Hoffmann, esperto a Cuba presso l’Istituto GIGA per gli studi latinoamericani.

Inoltre, Hoffmann prevede che l’esperienza cubana potrebbe essere richiesta anche nella lotta contro il coronavirus: “Il virus apparirà anche in molti paesi poveri con sistemi sanitari deboli. Se l’OMS lo richiede, i medici cubani potrebbero essere schierati anche in Africa”, ha aggiunto.

Fidel Castro diede un nome ai medici cubani che prestarono servizio in missioni internazionali: “L’esercito dei camici bianchi”. Secondo il Ministero della Salute cubano (MINSAP), dal 1963 ci sono state più di 600.000 missioni, in 164 paesi. Attualmente, ci sono circa 30.000 professionisti impiegati in 67 paesi, in particolare in Africa e in America Latina.

Il modello di sistema sanitario

Quello che prima era considerato un segno di solidarietà internazionale è diventato un modello di business. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo (UNCTAD), i guadagni annuali in valuta estera dei servizi medici di Cuba ammontano a quasi 11 miliardi di dollari USA. In confronto, beni di esportazione cubani come zucchero, tabacco, nichel e rum hanno contribuito per quasi tre miliardi di dollari, nel 2018.

“Dopo il 1989, Cuba ha dovuto vedere come ha ottenuto la valuta estera. Pertanto, L’Avana ha trasformato la sua forza medica in una forza economica, che va oltre le forniture per la propria popolazione e la solidarietà in caso di catastrofi umanitarie”, ha spiegato. Hoffmann.  Molti medici, poche medicine

Il divario tra l’economia socialista e la conoscenza tecnica ha portato a situazioni paradossali. Il sistema sanitario pubblico ha abbastanza medici, ma a causa della crisi economica e della mancanza di valuta estera, vi è una carenza di medicinali e forniture. I tassisti, che fanno pagare in dollari USA, guadagnano più dei medici.

Per questo motivo, il sistema sanitario cubano ha il supporto di molte organizzazioni internazionali, tra cui il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF), la Pan American Health Organization (PAHO), l’alleanza internazionale Gavi per la vaccinazione e Caritas Internationalis.

Cuba vaccina più bambini degli Stati Uniti. 

Ad esempio, la mortalità infantile negli Stati Uniti. è maggiore che a Cuba. A Cuba, vengono vaccinati più bambini che negli Stati Uniti e quasi tutti gli abitanti partecipano ai test di screening del cancro negli adulti.

Sebbene Cuba non sia un modello per gli Stati Uniti. L’isola, che spende l’11% del suo prodotto interno lordo (PIL) per la salute pubblica, è considerata una pioniera in America Latina e in molti paesi africani. I cubani sembrano essersi abituati a questo paradosso. “Viviamo come i poveri, ma moriamo come i ricchi”, è un detto locale.

Nel frattempo, anche il coronavirus ha raggiunto l’Avana. Secondo i rapporti di “Granma”, tre turisti italiani sono risultati positivi al virus e sono stati ammessi all’Istituto di medicina tropicale Pedro Kourí (IPK). Per Bert Hoffmann, la crisi del virus mostra non solo le contraddizioni tra ricchi e poveri, ma anche tra dittatura e democrazia.

 “Stati come Cuba e la Cina hanno grandi vantaggi nella lotta contro le epidemie perché lo Stato interviene direttamente. Esiste una routine militare, in cui gli aerei vengono rilasciati per un’emergenza. Si tratta di atti arbitrari, ma in una situazione di questo tipo Potrebbero avere un effetto positivo “.