Categorie
Uncategorized

Raccolta firme: NO al 5G

           

A Verbania Intra, in Piazza Ranzoni, sono state raccolte le firme per dire NO al 5G.

 Paolo Caruso, esponente dei Verdi, con questa
iniziativa vuole sensibilizzare i cittadini sul 5G e metterli in guardia sui
rischi che questa nuova tecnologia comporta.

 Rischi
che potrebbero già essere presenti nell’Ossola dal momento che Valle Cannobina,
Druogno e Premia sono stati inseriti nell’elenco dei Comuni per la
sperimentazione, che però non è ancora iniziata.

 Una
ventina di Comuni hanno già vietato la sperimentazione sul loro territorio, fra
i quali 2 in provincia di Alessandria e 2 in provincia di Vercelli.

 Caruso condanna la disinformazione interessata
che non fornirebbe tutte le notizie sul 5G.

 Il 5G è già stato oggetto di sentenza da parte del TAR che ha respinto il ricorso di ILIAD tendente a ribaltare la decisione del Comune di Bologna che aveva rifiutato di concedere all’operatore telefonico la possibilità di riconfigurare alcune antenne in vista del 5G.

In Parlamento sono state presentate
interrogazioni e mozioni sul 5G.

Un gruppo di 180 scienziati ha proposto
istanza alle istituzioni europee per bloccare lo sviluppo della tecnologia 5G
fino a quando non sarà fatta chiarezza sui rischi per la salute dei cittadini.

 I
detrattori del 5G si basano sul fatto che le frequenze saranno molto più
elevate di quelle del 4G attualmente in uso.

 I
campi elettromagnetici saranno più forti perchè il segnale wireless usato è
efficace solo per distanze brevi e con bassa capacità di superare barriere
solide.

 Non
dobbiamo ostacolare il progresso ma solo a condizione che non provochi danni
alla salute.

Franco
Simonetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *